Intenzioni di preghiera     Cerca nell'annuario diocesano Pagina precedente Stampa pagina
 

Segnala un evento per la nostra agenda

 Prossimi Eventi
27.10.2017
Strutture ecclesiali: strumenti per la missione
Notizie ed Attualità

E' deceduto don Adelio Martinoli

inserito il 07.11.2016

Don Adelio Martinoli è deceduto per un improvviso malore nella notte tra venerdì e sabato scorsi.
I funerali, con la Santa Messa presieduta da Mons. Vescovo Valerio Lazzeri, avranno luogo mercoledì 9 novembre alle ore 9.30 nella Chiesa di San Carlo a Biasca.
Seguirà la sepoltura nel camposanto di Marolta.

Attinente di Marolta era nato il 4 agosto 1952 e dopo il ginnasio nel Collegio Pio XII di Lucino e il liceo al Papio, aveva compiuto gli studi teologici a Friborgo, dove risiedeva in quegli anni la comunità teologica della nostra diocesi. Riceveva l’ordinazione presbiterale il 16 aprile 1977 nella Cattedrale di San Lorenzo, per l’imposizione delle mani dello zio, il Vescovo Giuseppe. Una coincidenza certamente fonte di gioia e di commozione per entrambi.
Il suo primo impegno era a Minusio quale vicario fino all’agosto del 1980, quando si trasferiva in Verzasca per la cura pastorale di Brione Verzasca, Frasco e Sonogno, assicurando nel contempo una collaborazione quale vicario alla comunità di Gerra Valle.
Nel 1988 veniva nominato parroco di Cugnasco, passando successivamente a Bodio nel 1991, con l’impegno pastorale esteso a Pollegio. Nel 1995 gli venivano affidate le comunità di Claro e Gnosca, unitamente al compito di cappellano del Monastero Santa Maria di Claro. In quegli anni era pure membro del Consiglio presbiterale diocesano quale delegato del Vicariato delle Tre Valli per designazione dei suoi confratelli.
Lasciava le comunità della Riviera nel 2001 per divenire parroco di Camorino e Sant’Antonino. Vi rimaneva sette anni, assumendo quindi nel 2008 la cura pastorale di Osogna, Cresciano, Moleno e Preonzo con residenza a Osogna.
Lo scorso agosto, a seguito anche di alcuni avvicendamenti avvenuti nella cura delle parrocchie della media Blenio, accoglieva l’incarico, assegnatogli del vescovo Valerio, suo convallerano, di cappellano dell’Ospedale regionale di Acquarossa e della Casa anziani La Quercia. Un nuovo compito nel quale si inseriva con generosità e dedizione, agevolato nell’incontro con pazienti e ospiti dalla sua conoscenza della valle e di tante famiglie, vista la sua origine.
Vanno pure ricordati il suo servizio al Paese per diversi anni quale cappellano militare e la gerenza amministrativa da lui assicurata, a partire dal 2009, alla sua comunità di Marolta, da dove era partito, ancora ragazzino,  per iniziare la sua preparazione al Sacerdozio.

Torna in alto

Sito di informazione cattolica | Giornale del Popolo | Strada Regina | Caritas Insieme TV | Zenit