Intenzioni di preghiera     Cerca nell'annuario diocesano Pagina precedente Stampa pagina
 

Segnala un evento per la nostra agenda

 Prossimi Eventi
17.12.2017
La vera Storia di san Nicolao della Flüe
Notizie ed Attualità

Festa di S. Maria dei Miracoli - Morbio Inferiore

inserito il 22.07.2014

MARTEDì 29 LUGLIO 2014
FESTA DI SANTA MARIA DEI MIRACOLI

Celebrazioni della Santa Messa in Basilica alle ore:
03.00 (presieduta da mons. Grampa); 04.00; 05.00; 06.00; 7.00; 8.00; 09.00;
10.30 (presieduta da mons Vescovo Valerio Lazzeri)

17.00 Recita del Santo Rosario
17.30 Santa Messa per i malati
20.30 Celebrazione mariana e Processione Eucaristica (con mons. Grampa)
22.30 Celebrazione eucaristica

Il santuario di Santa Maria dei Miracoli a Morbio Inferiore

Venerdì 29 luglio 1594: due fanciulle milanesi, Caterina e Angela, tormentate nello spirito, salgono a Morbio  per essere benedette dal vice-parroco, don Gaspare dei Barberini, che però è assente.
Le loro madri pregano davanti all’effigie della Vergine e le due ragazze sono guarite.
L’eco dell’evento si diffonde rapidamente e la Curia vescovile di Como, dopo regolare processo canonico, riconosce la verità dei fatti e la loro natura prodigiosa.
I documenti originali sono depositati presso quella Curia e copia autentica è conservata nell’archivio parrocchiale di Morbio Inferiore.

Sul colle dove s’innalza il Santuario, sorgeva, attestato nel 1198,  un castello di segnalazione e difesa, collegato ad altri della nostra regione.
Nel 1517, questo castello, passato nel frattempo agli Svizzeri, venne smantellato.
Del castello rimase unicamente la cappella, dedicata a San Bernardino da Siena, dove si continuò a celebrare fin verso il 1550. In seguito abbandonata, divenne un cumulo di macerie.
L’affresco della parete sud della cappella, raffigurante la Vergine che allatta Gesù, si salvò, protetto com’era dall’edera e dai rovi. Un affresco semplice, dove il colore ha funzione armoniosa e delicata.
Davanti a questa effigie, quel venerdì 29 luglio 1594, pregarono le due madri milanesi con le loro figlie malate.

La costruzione del Santuario di Santa Maria dei Miracoli iniziò nel 1595; la sua consacrazione, presieduta dal Vescovo di Como Mons. Filippo Archinti, risale al 6 maggio 1613.
Monumento cantonale iscritto nel 1911, fu restaurato negli anni 1924-1925 e sul finire del secolo scorso.
Si tratta della costruzione barocca seicentesca più omogenea del Mendrisiotto (B. Anders). Vi lavorarono diversi artisti della regione, fra cui i Silva di Morbio.
La facciata è di tipo rinascimentale. L’interno - una navata, il presbiterio, quattro cappelle laterali, la cupola ovoidale - è artisticamente pregevole: stucchi, dipinti su tela, affreschi, terrecotte si coniugano in modo armonioso e di sicuro effetto.
La chiesa è dedicata alla natività di Maria Vergine. Le quattro cappelle laterali sono rispettivamente dedicate alla Madonna, San Giuseppe, San Carlo, i Santi Pietro e Paolo. Nella cappella della Vergine è  conservato l’affresco di Santa Maria dei Miracoli.

Torna in alto

Sito di informazione cattolica | Giornale del Popolo | Strada Regina | Caritas Insieme TV | Zenit