Intenzioni di preghiera     Cerca nell'annuario diocesano Pagina precedente Stampa pagina
 

Segnala un evento per la nostra agenda

 Prossimi Eventi
27.10.2017
Strutture ecclesiali: strumenti per la missione
Notizie ed Attualità

Festa di S. Maria dei Miracoli - Morbio Inferiore

inserito il 22.07.2014

MARTEDì 29 LUGLIO 2014
FESTA DI SANTA MARIA DEI MIRACOLI

Celebrazioni della Santa Messa in Basilica alle ore:
03.00 (presieduta da mons. Grampa); 04.00; 05.00; 06.00; 7.00; 8.00; 09.00;
10.30 (presieduta da mons Vescovo Valerio Lazzeri)

17.00 Recita del Santo Rosario
17.30 Santa Messa per i malati
20.30 Celebrazione mariana e Processione Eucaristica (con mons. Grampa)
22.30 Celebrazione eucaristica

Il santuario di Santa Maria dei Miracoli a Morbio Inferiore

Venerdì 29 luglio 1594: due fanciulle milanesi, Caterina e Angela, tormentate nello spirito, salgono a Morbio  per essere benedette dal vice-parroco, don Gaspare dei Barberini, che però è assente.
Le loro madri pregano davanti all’effigie della Vergine e le due ragazze sono guarite.
L’eco dell’evento si diffonde rapidamente e la Curia vescovile di Como, dopo regolare processo canonico, riconosce la verità dei fatti e la loro natura prodigiosa.
I documenti originali sono depositati presso quella Curia e copia autentica è conservata nell’archivio parrocchiale di Morbio Inferiore.

Sul colle dove s’innalza il Santuario, sorgeva, attestato nel 1198,  un castello di segnalazione e difesa, collegato ad altri della nostra regione.
Nel 1517, questo castello, passato nel frattempo agli Svizzeri, venne smantellato.
Del castello rimase unicamente la cappella, dedicata a San Bernardino da Siena, dove si continuò a celebrare fin verso il 1550. In seguito abbandonata, divenne un cumulo di macerie.
L’affresco della parete sud della cappella, raffigurante la Vergine che allatta Gesù, si salvò, protetto com’era dall’edera e dai rovi. Un affresco semplice, dove il colore ha funzione armoniosa e delicata.
Davanti a questa effigie, quel venerdì 29 luglio 1594, pregarono le due madri milanesi con le loro figlie malate.

La costruzione del Santuario di Santa Maria dei Miracoli iniziò nel 1595; la sua consacrazione, presieduta dal Vescovo di Como Mons. Filippo Archinti, risale al 6 maggio 1613.
Monumento cantonale iscritto nel 1911, fu restaurato negli anni 1924-1925 e sul finire del secolo scorso.
Si tratta della costruzione barocca seicentesca più omogenea del Mendrisiotto (B. Anders). Vi lavorarono diversi artisti della regione, fra cui i Silva di Morbio.
La facciata è di tipo rinascimentale. L’interno - una navata, il presbiterio, quattro cappelle laterali, la cupola ovoidale - è artisticamente pregevole: stucchi, dipinti su tela, affreschi, terrecotte si coniugano in modo armonioso e di sicuro effetto.
La chiesa è dedicata alla natività di Maria Vergine. Le quattro cappelle laterali sono rispettivamente dedicate alla Madonna, San Giuseppe, San Carlo, i Santi Pietro e Paolo. Nella cappella della Vergine è  conservato l’affresco di Santa Maria dei Miracoli.

Torna in alto

Sito di informazione cattolica | Giornale del Popolo | Strada Regina | Caritas Insieme TV | Zenit